Tag: <span>Mali</span>

Jamaat Nusrat al Islam wal Muslimin: “Vendetta del massacro di Ogassagou” e attacco perpetrato contro le forze MINUSMA

Jamaat Nusrat al Islam wal Muslimin, la filiale di al Qaeda nel Sahel, ha rivendicato due attacchi perpetrati nel Mali che hanno preso di mira le forze MINUSMA, nella regione limitrofa a Bamako, e l’esercito maliano nei pressi del villaggio di Ogossagou, nella regione di Mopti.

Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin: uccisione di un soldato francese nella regione di Gao, Mali.

Il gruppo jihadista Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin, la filiale di al Qaeda nel Sahel, ha rivendicato l’uccisione di un soldato francese nei pressi di Menaka, nella regione di Gao, a seguito dell’esplosione di una mina piazzata precedentemente dall’organizzazione.

Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin condanna attacco contro la comunità Fulani

La filiale di al Qaeda nel Sahel, Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin, ha diffuso un comunicato dove condanna il massacro perpetrato dalle milizie Dozo contro la comunità Fulani nella regione di Mopti, nel Sahel. Nel comunicato diffuso da Az Zallaqa Media, il canale mediatico ufficiale del gruppo, viene accusata la Francia per tali crimini, […]

Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin rivendica il rapimento di un comandante delle MSA nella regione di Gao.

Tramite un comunicato diffuso dal suo canale ufficiale, Az Zallaqa Media, Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin ha rivendicato il rapimento di un comandante del Movimento per la Salvezza dell’Azawad nella regione di Gao, nel Mali.

Settimanale al Naba #175

Pubblicata l’edizione numero 175 del settimanale ufficiale dello Stato Islamico al Naba. Al suo interno un lungo articolo sul Sahel, dove il Burkina Faso, il Niger e il Mali sono stati definiti i nuovi paradisi del Jihad. Pubblicate, inoltre, le foto dei documenti di due soldati statunitensi e di un minatore canadese uccisi dai miliziani […]

Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin rivendica attacco contro base G5 Sahel a Dioura, Mali.

Il gruppo Jamaat Nasr al Islam wal Muslimin ha rivendicato il raid condotto il 17 Marzo contro la base delle forze G5 Sahel a Dioura, regione di Segou nel Mali. L’attacco, recita il comunicato, è stato guidato da Amadou Kouffa e da miliziani provenienti dalla Katiba Macina.